Articoli

Come Fratelli d’Italia abbiamo sollecitato tempo fa la richiesta di utilizzo degli ascensori per i disabili, nonché l’accessibilità ai piani elevati dell’edificio E in via della Pisana – dove sono presenti sia i Gruppi consiliari che altri uffici pubblici.

Ho consegnato a mano una lettera al presidente del Consiglio Regionale del Lazio, Leodori, per denunciare la situazione e chiedere di intervenire per adeguare la struttura”. Così in una nota Chiara Colosimo, consigliere di Fdi alla Regione Lazio.

“Da quanto ci risulta – aggiunge – esaminando il documento finanziario del Consiglio Regionale, sono stati impiegati oltre 1 milione e mezzo di euro per effettuare lavori di manutenzione ordinaria per gli esterni ed interni degli edifici in via della Pisana. Elementi che stridono sull’impiego delle risorse: come mai infatti si trovano i fondi per rifare i vialetti, le aree verdi e le tinteggiature delle stanze e non ci sono invece per salvaguardare i diritti delle persone diversamente abili? Stamane registriamo il disagio che ha trovato Antonio Pelegatti, referente di Fdi per la disabilità, proprio per accedere all’edificio E del Consiglio Regionale”.

“Sono sconcertato – commenta Pelegatti -, la Regione Lazio è l’ente che dovrebbe tenere più degli altri al problema dell’abbattimento delle barriere architettoniche, in quanto è alla Regione competono sia le linee guide che i finanziamenti e anche i rimborsi che vengono erogati all’utenza. Ed è assurdo che i cittadini, che proprio a questi uffici fanno riferimento, trovino impossibile, come accaduto oggi a me, accedere ai piani elevati. E’ paradossale che proprio l’ente di riferimento non abbia gli uffici adeguati. Ricordo che esiste una legge, la n. 41 del 1986, che impone l’abbattimento e la realizzazione del Peba (Piano per l’eliminazione barriere architettoniche); piano che si sarebbe dovuto realizzare nel 1987 e che dopo trent’anni è ancora fermo. Stessa cosa il Comune di Roma, che ha recepito il piano, deliberato il via libera al Peba con il provvedimento n. 234 del 2014 ma che di fatto ancora non ha realizzato un bel nulla. Solo pochi giorni fa – conclude Pelegatti – abbiamo denunciato la stessa cosa alla biblioteca regionale Moby Dick costata 1 mln di euro ma inaccessibile”.
© Copyright Adnkronos.

Un gruppo di diciannove bambini del Saharawi e i sindaci dei Comuni che li ospitano, sono stati ricevuti questa mattina in Consiglio regionale del Lazio.

Un gruppo di diciannove bambini del Saharawi e quattro accompagnatori sono stati ospiti questa mattina in Consiglio regionale del Lazio. La Sala Mechelli ha fatto da cornice all’incontro con la piccola rappresentanza della “gente del deserto” del Sahara occidentale, che da molto tempo aspira alla libertà e all’indipendenza del territorio in cui vivono al confine tra Marocco, Algeria e Mauritania. Rivendicazioni che sono tutt’oggi ostacolate dal Marocco.

La consigliera Chiara Colosimo (FdI), componente dell’Intergruppo consiliare a sostegno del popolo Saharawi, formato dai consiglieri di maggioranza e opposizione Eugenio Patanè (Pd), Marietta Tidei (Pd), Devid Porrello (M5s), Laura Cartaginese (Fi), Emiliano Minnucci (Pd), Marco Cacciatore (M5s) e Alessandro Capriccioli (+Europa) presenti all’incontro, ha aperto i lavori salutando il rappresentante del Fronte Polisario in Italia Omar Mih, il presidente del Modavi Emanuele Buffolano, i bambini Saharawi e gli amministratori dei sei Comuni del Lazio che attualmente ospitano i bambini: Fara in Sabina, Vignanello, Canale Monterano, Trevignano Romano, Anguillara e Orte.

La consigliera Colosimo (FdI), che in passato si è recata personalmente nel territorio Sahariano, ha ricordato che fu “straordinario scoprire la forza di questo popolo, non fanno barricate, chiedono soltanto di poter essere liberi di scegliere la loro autodeterminazione. Abbiamo dinanzi a noi – ha detto la consigliera – la missione di raccontare la dignità di questo straordinario popolo e non abbandonarlo”.


Il vice presidente del Consiglio regionale Devid Porrello (M5S) ha portato i saluti del presidente Leodori, attualmente impegnato a seguire i lavori del Bilancio, e ha affermato che “Il Consiglio regionale apre le porte a una vicenda di caratura internazionale e quindi assumere l’impegno di sollecitare il governo nazionale e l’Unione Europea a considerare la questione della sofferenza di questo popolo, da parte nostra – ha concluso Porrello – dobbiamo essere in prima linea a sostenerlo”.

Per il consigliere Emiliano Minnucci “non si può fare a meno di dare un contributo positivo e di sviluppare relazioni internazionali per non smorzare la rivendicazione di autodeterminazione di un popolo, la cui vicenda resta un tema di politica internazionale”.

Un ringraziamento ai Comuni che ospitano i bambini è stato espresso dalla consigliera Marietta Tidei (Pd), un impegno “notevole e non facile da sostenere. La questione Saharawi è fuori dai riflettori della politica internazionale, dobbiamo fare in modo che torni al centro dell’attenzione”.

Successivamente ha preso la parola l’assessora del Comune di Canale Monterano, Vilma Piccioni, che ha ribadito quanto “sia importante essere in questo contesto. Questi bambini ci danno qualcosa di unico, portano gioia, andiamo avanti seguendo questa linea continuando a sostenere la causa di questo popolo”.

Per il rappresentante di Orte, Don Giuseppe Aquilanti “questi bambini sono testimoni e ambasciatori di pace, dinanzi a loro cadono le barriere religiose”, mentre per presidente del Modawi Emanuele Buffolano “il popolo Saharawi porta avanti pacificamente la costruzione di rapporti attraverso il dialogo. Vorremmo rappresentare ancora meglio magari con l’apporto di grandi reporter – ha auspicato –  la situazione in cui versa questo popolo”.

Omar Mih, Rappresentante del Fronte Polisario in Italia, ha ricordato che “la Regione Lazio ci supporta da più di trenta anni. Noi – ha sottolineato – abbiamo rinunciato alla guerra, la comunità internazionale da ventinove anni ci ha promesso, attraverso risoluzioni approvate, un referendum per l’autodeterminazione ma il Marocco è intransigente. Abbiamo una generazione che non può più aspettare, la nostra rivendicazione è un referendum, contiamo ancora sul vostro sostegno. Per questo – ha concluso il Rappresentante del Polisario – ringrazio molto il Consiglio regionale, i Comuni, e i volontari della Protezione Civile”.

 

 

Al termine dell’incontro il vice presidente Porrello ha consegnato ad Omar Mih un gagliardetto della Regione Lazio e un piccolo regalo a ciascuno dei bambini presenti.
saharawi

 

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio

Sanità: illustrato Piano Welfare, fondi per asili e azzardo Troncarelli a Pisana. Intesa bipartisan su autismo.

La commissione Sanita’ del Consiglio regionale del Lazio presieduta da Giuseppe Simeone (FI) ha ascoltato oggi la relazione dell’assessore alle Politiche sociali Alessandra Troncarelli.

L’assessore ha ricordato gli strumenti offerti dalla legge regionale sul Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali. Troncarelli ha riferito che la Regione Lazio ha chiesto un finanziamento di 23 milioni per abbattere il costo delle rette degli asili delle famiglie con piu’ bambini e si e’ soffermata sul tema della dipendenza dal gioco d’azzardo sulla quale e’ previsto un piano da 14,5 milioni.

Su quest’ultimo punto ha annunciato modifiche alla legge regionale 5/2013 volte a dare maggiori poteri ai Comuni nel disincentivare nuove slot e centri per il lotto e a garantirne una distanza minima da scuole e centri anziani. Troncarelli ha parlato anche delle novita’ in tema di Terzo settore, a seguito della riforma con la quale e’ introdotto il Registro unico nazionale dei progetti attivi per l’immigrazione.

L’assessora ha annunciato anche iniziative sull’autismo, sulla diagnosi ma anche per l’inclusione lavorativa. Colosimo (FdI) ha riferito alla commissione di aver depositato un’apposita proposta di legge a sua firma che ha ottenuto subito il favorevole accoglimento di Panunzi (Pd). Bonafoni (LZ) ha posto l’accento sui temi dell’immigrazione e dei rom, e ha sollecitato progetti volti a contrastare la tratta degli esseri umani, Ciani (Cs) ha sottolineato il grande compito dell’integrazione socio-sanitaria che la Regione si trova a dover affrontare, Di Biase (Pd) si e’ soffermata sul tema dell’usura, tema strettamente correlato al gioco d’azzardo, per il quale Davide Barillari (M5s) ha sollecitato numeri e dati sull’impatto sanitario. (ANSA).

Regione Lazio, Colosimo (Fdi): “Da Fratelli d’Italia opposizione di merito e senza sconti, Zingaretti governi altrimenti a casa”

“Stamane abbiamo incontrato Zingaretti, con lui siamo stati leali e franchi. Volevamo un’altra guida per la Regione Lazio e lui lo sa, la nostra opposizione non farà sconti. Rispetto al programma di lavoro per l’avvio della legislatura mi sono permessa di domandare quali fossero le proposte nel merito, perché nel metodo è chiaro che può passare solo ciò che Fratelli d’Italia voterà.

E quindi tra i punti ho chiesto quale fosse la ricetta per le liste d’attesa, visto che quella messa sul fuoco fino ad ora non ha prodotto  risultati. Pertanto, si può prendere in considerazione l’abolizione dei tetti di spesa per gli esami radiodiagnostici dei malati oncologici?

E sul Piano rifiuti, quando si parla di individuazione di zone idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento dei rifiuti, di che impianti di tratta? Questi sono solo alcuni dei punti con i quali affronteremo i temi di emergenza regionale.

Sanità, ambiente, lavoro e infrastrutture, Fdi farà proposte concrete e Zingaretti dimostri di saper governare, altrimenti a casa, la mozione di sfiducia è pronta aspetta solo la firma del resto dell’opposizione”

E’ quanto dichiara in una nota Chiara Colosimo consigliere regionale di Fdi, a margine dell’incontro con il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.