Articoli

Colosimo – De Priamo: chiediamo un’audizione urgente per il declassamento dell’Ospedale CTO di Roma.

“Quale sara’ il destino dell’Ospedale CTO?
Certo Fratelli d’Italia non tollerera’ che sia oggetto di riconversione o di progressiva chiusura, come accaduto a tanti altri ospedali del Lazio durante questa infinita e scellerata gestione commissariale di Zingaretti&Co, fatta solo di reparti svuotati, riduzione posti letto, zero assunzioni, zero innovazione tecnologica.

Il nosocomio della Garbatella e’ il principale polo ortopedico del Lazio, da settant’anni eccellenza sanitaria nazionale pubblica e non solo. Vogliamo sostenere il personale medico, che lotta da anni per garantire la migliore qualita’ possibile delle cure, supplendo con dedizione e professionalita’ alle carenze logistiche determinate da questa miope ed indiscriminata politica di sola austerity, praticata dalla giunta Zingaretti, che non risparmia il merito e l’efficienza, peraltro senza riuscire ancora a rientrare dal debito.

Riteniamo si debbano convogliare tutte le competenze e le potenzialita’ politiche, amministrative e professionali, per evitare che anche il CTO sia falcidiato dal Piano di Riprogrammazione della Rete Ospedaliera 2017-2018, sancito dal Decreto del Commissario ad Acta (5 luglio 2017/U00257).

Pertanto chiediamo all’Assessore alla Sanita’ D’Amato l’audizione urgente del Direttore sanitario CTO – S.Eugenio dottor Ermete Gallo, del direttore generale Asl Rm 2 dottoressa Flori De Grassi, del presidente dell’VIII Municipio Ciaccheri. Data la rilevanza sociale di temi come la funzionalita’ di un polo sanitario specialistico d’eccellenza e la salvaguardia di molti posti di lavoro, auspichiamo che la nostra richiesta sia appoggiata dal vice presidente del Consiglio Regionale Smeriglio e dalla consigliera Bonafoni, membro della Commissione Sanita’”.