Biografia

Biografia

Chiara Colosimo nasce a Roma il 2 giugno 1986, cresce nel quartiere della Balduina. La sua passione politica inizia nelle scuole;
nel 2003 diventa infatti rappresentante in Consulta del suo istituto, il Convitto Nazionale di Roma “Vittorio Emanuele II”. Ed è
proprio in consulta che entrerà in contatto con il mondo di Azione Studentesca, se ne appassionerà e l’anno successivo diverrà
vice-presidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Roma.
Alla militanza tra le fila di Azione Studentesca, accompagna l’amore per la politica territoriale, nato nella storica sezione della
Garbatella, di cui diviene segretario giovanile nel 2008. In seguito al congresso di Azione Giovani Roma del 2008, diviene
dirigente provinciale e nel 2009 la sua militanza politica è premiata con l’incarico di Presidente Regionale della Giovane Italia.
Per le elezioni del 2010 viene inserita nel listino bloccato di Renata Polverini e dopo la vittoria, diventa il consigliere più giovane
della Regione Lazio e il consigliere regionale donna più giovane d’Italia. All’interno del consiglio viene eletta: Vicepresidente
Commissione Lavori pubblici e politica della casa e Commissione Scuola, diritto allo studio, formazione professionale e
università. E’ membro Commissione Cultura, spettacolo e sport e Commissione Sviluppo economico, ricerca e innovazione,
turismo. Nel 2011 viene eletta Presidente della Commissione Mobilità e come primo atto rinuncia all’auto blu.

Dopo l’esplosione del caso/scandalo Fiorito – che ha travolto il Pdl e fatto cadere la Giunta Regionale , viene chiamata a ricoprire
il ruolo di capogruppo regionale. Durante la sua presidenza garantisce ordine e trasparenza amministrativa, introduce un
regolamento interno che vincola rigidamente l’utilizzo dei fondi e azzera le spese del gruppo.

Ma il Popolo della libertà non può più rappresentare la sua “casa”. Decide quindi di dimettersi e di seguire il progetto di “Fratelli
d’Italia”, fondato da Giorgia Meloni e Guido Crosetto, spinta dalla ferma volontà di aderire ad un partito di rifondazione del
centro-destra, in cui si possano ritrovare tutti coloro che intendono la politica come servizio – e non come carriera – e dove non
ci sia posto per “impresentabili”, opportunisti ed affaristi.

Tra i viaggi che la segnano umanamente ricorda quello all’Aquila avvenuto il giorno di Pasqua del 2009, in cui partecipa
attivamente alla macchina dei soccorsi della protezione civile del MODAVI, quello a Santiago de Compostela e quello in
Saharawi, paese da tempo occupato dal Marocco, avvenuto a capodanno del 2009.
Il suo tempo libero lo dedica al pugilato, alla lettura e alla musica. Amante del sigaro e della sua vespa, che ogni giorno la
accompagna in giro per Roma.

Libri preferiti

Il gabbiano Jonathan Livingston, Il trattato del ribelle, Stella meravigliosa, Educazione siberiana

Musica preferita

Dai 270 ai Modena city ramblers passando per Ligabue e Dolcenera

Film preferiti

Fight club, Cinderella man, Million dollar baby